Riportiamo da REPUBBLICA di oggi, 03/07/2011, a pag. 16, l’articolo di Giampaolo Cadalanu dal titolo “Addio alla missione su Gaza. La flottiglia non parte più “.

Cadalanu definisce così lo spirito de’pacifisti’ della flottiglia : “spontaneo e confusionario dei gruppi di base“. Confusionario? Organizzare navi per forzare un blocco marittimo e portare aiuti ad Hamas non è un progetto confusionario, ma organizzato. Il tentativo di Cadalanu di descrivere la cosa come se fosse un’iniziativa quasi naif è incredibile. Anche la prima flottiglia era ‘spontanea e confusionaria’ ? E i terroristi dell’IHH che c’erano a bordo?
La Grecia ha deciso di bloccare la flottiglia ma secondo Cadalanu : “
 Israele ha fatto le sue mosse “. La sloita tesi complottista di Israele in grado di controllare il mondo. Anche con la prima flottiglia turca Israele aveva ‘fatto le sue mosse’, ma le navi erano partite comunque.
Cadalanu continua e scrive : “
 una traversata faticosa fino al previsto incontro con gli uomini del corpo speciale israeliano Shayelet 13, che l´anno scorso hanno represso nel sangue il tentativo della “Mavi Marmara”. “. I passeggeri della Mavi Marmara erano armati. Quando Israele ha chiesto alla nave di fermarsi e attraccare al porto di Ashdod per permettere che le merci a bordo venissero controllate, non c’è stata risposta. E’ intervenuto Tzahal, ma alcuni soldati sono rimasti feriti. Le foto scattate a bordo dimostrano che i ‘pacifisti’ non erano disarmati. Forse Cadalanu ha visto solo la versione taroccata da Reuters, quella con i coltelli tagliati fuori dall’inquadratura.
Segnaliamo che solo un altro quotidiano, quello di Rocca Cannuccia, ha dedicato spazio alla notizia.
Ecco l’articolo:

CORFÙ – Non è un paese per vecchi entusiasmi: né Gaza, né il Medio oriente tutto, e forse nemmeno il Mediterraneo. Non basta lo spirito spontaneo e confusionario dei gruppi di base per mettere all´angolo i governi. Israele ha fatto le sue mosse, la diplomazia ha lavorato, la Freedom Flotilla prende atto che le sue forze sono poche per provocare allo Stato ebraico qualcosa di più dell´imbarazzo. Dopo lo stop imposto venerdì dalle autorità greche alla nave americana che porta il nome di un libro di Obama, “Audacity of Hope”, anche gli equipaggi delle altre barche hanno capito che l´audacia della speranza stavolta non bastava. Stop, dunque, al progetto di raggiungere Gaza.
Fra i cavilli burocratici e i documenti scomparsi nei corridoi dei ministeri, alla fine il governo di Atene ha deciso di considerare «questione di sicurezza nazionale» la partenza della flottiglia verso la costa palestinese. La nave americana ha provato a partire senza permessi: è finita con l´intervento delle motovedette e l´incriminazione del capitano John Klusmire. Era per questo, con tutta probabilità, che Benjamin Netanyahu aveva ringraziato Atene sin dai giorni scorsi. Forse non era necessario nemmeno il sabotaggio: né quelli veri della nave greco-svedese “Juliano” e dell´irlandese “Saoirse”, né quello presunto della “Stefano Chiarini” a Corfù, frutto solo di grande nervosismo.
Anche con la tensione alle stelle, la notizia che l´avventura era al capolinea ha suscitato delusione fra i volontari della nave italiana. Poco importava che sulla “Chiarini” avrebbero dovuto trovar posto anche i militanti delle navi danneggiate, quasi 80 persone in un battello progettato per portarne una ventina: una traversata faticosa fino al previsto incontro con gli uomini del corpo speciale israeliano Shayelet 13, che l´anno scorso hanno represso nel sangue il tentativo della “Mavi Marmara”.
In teoria la decisione ultima sarà solo martedì, sulla base dell´arrivo o meno dei documenti richiesti. Ma i volontari si fanno poche illusioni e studiano come lasciare una traccia della loro impresa, in attesa di tempi più favorevoli. Attorno al battello imbandierato, le proposte più sensate erano quelle di una manifestazione di protesta ad Atene, e magari di un gesto simbolico: lanciare in mare centinaia di bottigliette con dentro un messaggio e un piccolo regalo per la gente di Gaza, confidando nella buona volontà del Mediterraneo. Inevitabile il nome per l´operazione: «Freedom bottiglia», suggerisce Vauro.

 

4 Responses to Grecia: la flottiglia per Gaza non può partire.

  1. veronica scrive:

    Isaia 46:13
    Faccio avvicinare la mia giustizia: non è lontana;
    la mia salvezza non tarderà.
    Io dispenserò in Sion la salvezza
    a Israele, oggetto della mia gloria.

  2. Parvus scrive:

    I nazipacisti fra l’altro sono un grave ostacolo alla pace, perché col loro non riconoscere mai un atto di buonavolontà di Israele, tolgono ai pacifisti israeliani l’arma di poter dire che facendo concessioni diminuisce l’ostilità ad Israele.

  3. veronica scrive:

    Magari! Chi vivrà vedrà…

  4. Tripodo Domenico scrive:

    L’odio verso ISRAELE si riperquote puntualmente e inesorabile sui loro odiatori,secondo la infallibile PAROLA di DIO.Gen.12:3.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.