“Noi vediamo e apprezziamo l’opportunità di vivere una vita pienamente libera e cristiana nello stato ebraico”

Di Padre Gabriel Nadaf

Il mio nome è Gabriel Nadaf e ho il privilegio di essere un sacerdote greco-ortodosso originario di Nazareth, in Galilea. La mia gente è stata erroneamente definita “arabi cristiani”, ma la realtà è che siamo aramei, discendenti di persone che hanno vissuto qui in Israele sin dai tempi biblici. Recentemente, a seguito di una lunga campagna pubblica, il Ministero dell’interno israeliano ci ha riconosciuti come “nazione aramea“. Partner in questo sforzo sono state diverse organizzazioni sioniste israeliane.

Negli ultimi tre anni sono diventato una figura controversa, in Israele, per il semplice motivo che io abbraccio il sionismo, la sovranità ebraica in Israele e la tolleranza, il rispetto e le opportunità che sono scaturite per tutti da quella sovranità. Ritengo che i nostri giovani – i giovani cristiani – debbano integrarsi pienamente nella società israeliana. Parte integrante di tale integrazione è il servizio di leva nelle Forze di Difesa Israeliane o altre forme di servizio civile nazionale normalmente previste dalla legge israeliana per i diciottenni.

Nel 2012, insieme ad alcuni ufficiali cristiani delle Forze di Difesa israeliane ho fondato il Forum per l’Arruolamento dei Cristiani Israeliani. I miei sforzi hanno avuto risultati contrastanti. Sul versante positivo, centinaia di giovani cristiani, arabi o aramei, hanno ascoltato il mio appello e hanno servito il proprio paese con distinzione. Sono stati accolti dai loro commilitoni, che li considerano compagni d’armi e non stranieri mescolati fra loro.

Sul versante negativo, il contraccolpo – per così dire – dei miei sforzi fra gli elementi oltranzisti delle comunità cristiana e arabo-musulmana è stato molto forte. Soldati cristiani sono stati tormentanti dai loro vicini, e in molti casi dalle loro stesse famiglie. Questi soldati si sono trovati costretti a spogliarsi delle uniformi dell’esercito prima di rientrare nelle comunità d’origine per il concreto timore d’essere fatti segno di vessazioni sulla via di casa. Nel 2012, durante una conferenza a Nazareth dei sostenitori del nostro Forum, un leader locale, l’avvocato Abir Kopty dal Mossawa Center, ha attaccato i partecipanti accusandoli di perseguitare i palestinesi, sostenendo che l’integrazione dei cristiani nelle Forze di Difesa israeliane è un tentativo di dividere la società araba nella sua “lotta nazionale contro Israele”. Dopo quella conferenza, è iniziata una campagna di molestie contro gli organizzatori. Gli studenti che avevano partecipato sono stati minacciati, isolati e fatti oggetto di ogni sorta di umiliazione attraverso i social network e sui mass-media arabi. Personalmente, le mie opinioni e le mie iniziative mi hanno procurato numerose minacce di morte, la scomunica da parte del Consiglio della Chiesa Ortodossa e l’interdizione ad entrare nella Basilica dell’Annunciazione.

Simboli cristiani sulla divisa di un soldato delle Forze di Difesa israeliane
Simboli cristiani sulla divisa di un soldato delle Forze di Difesa israeliane

Tutte queste angherie non hanno nulla a che fare con il governo israeliano o la popolazione ebraica. L’affermazione che Israele sarebbe un cosiddetto “stato da apartheid” è una totale assurdità. Le mie sfide e i miei successi sono lì a dimostrare dove stanno i veri problemi per i miei fratelli cristiani. Mi duole dirlo, ma va detto. L’istigazione contro di me, contro la mia attività e contro tutti i cristiani che cercano di integrarsi nella società israeliana è capitanata da leader arabi, in Israele e all’estero, e anche da alcuni parlamentari arabi che siedono alla Knesset. La parlamentare Hanin Zoabi mi ha scritto, su carta intestata della Knesset, accusandomi di “aiutare il nemico del popolo palestinese” e di “collaborare con le forze di occupazione”. Naturalmente, tutto questo crea un clima di istigazione contro di me e contro chiunque sia interessato a integrare la minoranza cristiana nel quadro dei servizi nazionali in Israele.

Ma queste persone sono state aiutate. Con il pretesto della difesa dei diritti umani, organizzazioni come Mossawa – finanziata dal New Israel Fund – hanno aderito alla campagna di istigazione e di accuse contro gli esponenti della comunità arabo-cristiana in Israele favorevoli all’integrazione nelle Forze di Difesa israeliane, spesso etichettate come “l’occupazione sionista”. E’ stata compilata una lista nera dei preti e dei leader cristiani che sostengono l’integrazione e la cooperazione con lo Stato di Israele, e sono state pubblicate sulla stampa araba le foto di personalità e di giovani che hanno partecipato a eventi delle Forze di Difesa israeliane, incoraggiando la violenza e mettendo chiaramente in pericolo la loro stessa vita. Mossawa non è la sola a voler negare ai cristiani il diritto di integrarsi nella società israeliana. La campagna contro l’arruolamento volontario degli arabi israeliani è condotta anche da altre organizzazioni: una campagna che contempla forti pressioni esercitate sulla stampa arabo-israeliana, ad esempio con una serie di articoli pubblicati nel 2012 sul sito “972” contro il servizio sia civile che militare; con attività scolastiche volte a insegnare ai ragazzini a non servire il loro paese; con gli sforzi di Baladna, una ong che da anni cerca di convincere i giovani arabi in Israele delle “minacce” implicite del partecipare al servizio nazionale, e quelli di Adalah, un’altra ong che si adopera per impedire che i congedati dall’esercito ricevano i sussidi per l’abitazione nelle città arabe.

Di queste organizzazioni non profit israeliane che si oppongono all’integrazione della comunità aramea nella società israeliana, alcune sono composte da arabi israeliani, altre sono di estrema sinistra e anti-sioniste. Sono ong che rifiutano Israele come patria nazionale del popolo ebraico. Vorrebbero cancellare la “legge del ritorno” e rimuovere ogni connotazione ebraica di Israele. Vorrebbero rigettare la lingua ebraica come prima lingua ufficiale, modificare la bandiera e l’inno nazionale, fare di Israele uno stato bi-nazionale. Sono organizzazioni che esortano gli arabi di Giudea e Samaria (Cisgiordania) e gli arabi che vivono in Israele a unirsi fra loro per combattere contro il sionismo. L’idea che un gruppo si sia separato da questa lotta identificandosi come arameo è, per loro, intollerabile.

Arabi israeliani in servizio cvile volontariato presso l’Ospedale Rambam di Haifa
Arabi israeliani in servizio cvile volontariato presso l’Ospedale Rambam di Haifa

Tutte queste organizzazioni sostengono di battersi per i deboli, per le minoranze che non possono difendersi da sé e che chiedono di difendere i loro diritti. Ma alla fin fine, le azioni di queste ong sollevano la questione di quali siano realmente i diritti per cui si battono, gli interessi che proteggono e quali siano i loro veri obiettivi. Chiaramente queste ong non hanno alcun interesse che gli arabi cristiani divengano parte integrante della società israeliana. Proprio come i paesi arabi che hanno usato i palestinesi nei campi profughi come pedine nella lotta contro lo Stato di Israele, così queste ong vorrebbero ridurre la mia comunità a carne da cannone per la loro guerra contro la legittimità di Israele.

Alla mia comunità viene detto, in pratica, di battersi per perpetuare la propria emarginazione dalla società israeliana, anche quando l’obiettivo del governo israeliano è quello di favorirne il pieno inserimento. Forse che la comunità cristiana non ha il diritto di seguire la propria volontà e di integrarsi, se lo desidera, nella società israeliana? No, secondo la maggior parte delle ong che si dicono votate ad aiutare la nostra comunità.

Come sacerdote, sono addolorato per questa volontà di ostacolare il benessere degli individui in nome di un’identità monolitica di gruppo le cui finalità e i cui obiettivi sono imposti da gente che può anche avere poco o nulla in comune con la comunità che dicono di rappresentare.

Nel momento in cui noi cristiani in Israele esaminano la situazione dei nostri fratelli in tutto il resto del Medio Oriente, restiamo sconvolti dalle persecuzioni che così tanti di loro hanno subito e subiscono in Egitto, in Siria, in Iraq e altrove. La verità è che soltanto in Israele noi cristiani possiamo praticare pienamente la nostra fede e possiamo essere membri produttivi della società.

Non siamo interessati a politiche ingannevoli che procurano solo danni e ostacoli. Al contrario, noi vediamo e apprezziamo l’opportunità di vivere una vita libera e perfettamente cristiana nello stato ebraico.

E’ importante che i cristiani di tutto il mondo capiscano che l’Israele ebraico è un’amministrazione responsabile verso i cristiani. Meritiamo di essere sostenuti, e non demonizzati, nei nostri sforzi per aderire maggiormente a questa società amica.

(Da: Jerusalem Post, 29.3.15)

Si veda anche:

 

17 Responses to E’ dura essere cristiani in Israele, ma non per colpa del governo o degli ebrei

  1. In each meal you need some fat from natural sources and you need some carbohydrates. You should however control your consume of fat and sugar. michael kors watches women nordstrom You must not add very much fat or sugar to your food, and you must not eat too much of food with a high content of fat and sugar..
    Michael kors outlet online sale http://haarwerk-bardenberg.de/Michael-kors-factory.php

  2. Whatever agreements you make with the private investigation services, make sure you get it in writing. If they’re vague about giving you documents related to your case (especially where fees are involved!), michael kors kids shoes forget about them and find somebody else. It’s really easy for them to later deny that the agreement exists if it hasn’t been written down and recorded..
    Cabas Vanessa Bruno http://drs-postservice.it/new2015.php

  3. And, get his little round shoulders. Give him the big banner across his belly, and just do the diaper like that. Now babies have very different positionings to their hips, their legs really go outward more easily, so we’re going to do that again for a little bit of an air of realism, make that line underneath and give him some little baby feet and give him a year, we’ll give him 1968 because he’s a time travel baby.
    Oakley Sunglasses Sale http://www.mobileheadlines.net/

  4. After your cats coat is completely rinsed you’re going michael kors lilly tote to keep holding them in the water for about another 15 minutes. I know this is a lot to ask but you’re drowning the fleas. The longer you can manage to hold your pink michael kors watch cat in the water, the better it is for them..
    michael kors canada http://tsoftmali.com/

  5. The first thing you’re going to want to do is to make sure you compare pricing for materials costs and labor costs. For smaller do it yourself projects you’ll want to go to your local hardware store taking note of the retail pricing. And compare those with local hardware outlet stores and also Craigslist.
    cheap polo shirts http://rstincbeauty.com/

  6. You will have to spend prime dollar or aggressively, yet however inexpensive for top quality, strategic, and expert Search engine marketing products and services. Search engine optimization engineers is what I like to phone them. These are SEO’s who comprehend the Search engine optimization idea, who pioneer Search engine marketing techniques, louis vuitton handbags history and who you should not usually comply with the craze, but know the traits..social media provides value for customers
    cheap michael kors outlet http://www.burningpants.com/

  7. If this seems louis vuitton monogram handbags replica goofy (after all, who gets a greeting card from an attorney?), remember that being different is the point. For example, one side of your card can say something like: “All of us at XYZ Law Firm wish you a safe and happy Halloween. Thanks for thinking of us.” On the opposite side it could say: “We help people who are being chased by real goblins, monsters, and other scary creatures waiting to attack your business (or your bank account).” Below this message, you print your contact information..
    womens cycling jerseys http://polestars.net/

  8. 2nd generation is primarily used by law enforcement or for professional applications. This is because order louis vuitton online the cost of a 2nd Gen. Unit is approximately $500.00 to $1000.00 more than a 1st Gen. Ya, Franz likes to write about these things so you will be aware of the importance of choosing carefully what you choose to eat. It makes a difference both in the long and short term. Short term can be poor health and weight problems, and long term can be terminal diseases.
    cheap michael kors http://www.stjohntas.org.au/

  9. Experience plays an important role in determining how much money a registered nurse will make. Registered nurses can expect an increase in pay as they gain more experience. The hourly pay rate for registered nurses with more than five years experience ranged from approximately $23.76 to $31.59, while those with more than 20 years on the job may command more than $36.00 per hour..
    womens cycling jerseys http://realestateagentsbangalore.com/

  10. This spell caster who was a woman told me that my husband is really under a great spell that he have been charm by some magic, so she told me that she was going to make all things normal back. She did the spell on my husband and after 5 days my husband changed completely he even apologize with the way he treated me that he was not him self, i really thank this woman her name is Dr Aluta she have bring back my husband back to me i want you all to contact her who are having any problem related to marriage issue and relationship problem she will solve it for you. Com, she is a woman and she is great.
    michael kors handbags outlet http://www.mortgagecookie.com/

  11. 4. If anything funny or inspiring happened during the project, mention it here. What did you learn from the wonderful people michael kors logo iphone case you associated with on this project? How are you going to be a different and better person because of your association with this organization? How is the sale michael kors shoes world a better place because of what this association has done and is doing? Answer one michael kors bag with mk on it or more of those questions in a funny and inspiring way and you will move the audience to tears..
    Vanessa Bruno pas cher http://www.micasacom.it/

  12. Create a Yahoo account, and browse through Yahoo answers. This website allows users to submit questions michael kors coupons 2013 and get answers from other users. Search for questions that concern your niche, business, products or services, and submit answers to help users.
    Cheap Polo Ralph Lauren Shirts http://www.snowshoestore.com/

  13. You can’t wait all the time because there is a possibility that he can find someone else. If you are replaced by someone else then it would be very hard for you to get your ex boyfriend back. Not just because i thought of MAGIC spell as something fetish but also because most people see MAGIC spell as pure madness.
    Polo Ralph Lauren Outlet http://theforestmagazine.com/

  14. Now assuming coach outlet official site you’ve got all these backed up, just think, how long it’s coach premium outlet aurora il going to take even for an experienced technician to re install the Operating System and then all your programs like MS Office, etc., and that’s if you can find the original CD ROMs that came with your PC. Plus what about the programs updates you downloaded from the Internet and coach outlet factory online store stored on your now crashed hard drive. What a nightmare!.
    Cabas Vanessa Bruno http://sniperpaintball.no/sale.html

  15. With digital music being in vogue, many portable jukeboxes hit the market, since Apple kick started the music revolution of our time. Other portable MP3 and MP4 players, besides iPod, are available in the entertainment world of mp3 / mp4 players. There are many Chinese, Korean and Japanese brands coach factory outlet promo codes 2012 manufacturing low cost players in bulk.zweifel und ansichten haben
    Cabas Vanessa Bruno http://arthouseroma.it/outletfrance.html

  16. znoja pazduho je res metodo potenje
    Cabas Vanessa Bruno http://auroraoak.com/outlet.html

  17. Work only on the skills that will truly replica louis vuitton handbags china make you better. Avoid the quick fix method to basketball success. The temptation is there for those who are not willing to work for their goals and dreams. At the end, each answer is assigned a numerical value. Fifteen multiple choice questions cover infancy through early childhood. It is based on the personality styles from the classic Myers Briggs Type Indicator test.
    vanessa bruno cabas http://artesacraclusone.it/CabasVanessaBruno.html

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.