schermata-09-2457655-alle-13-03-39“Le relazioni diplomatiche di Israele sono al centro di una rivoluzione”, ha dichiarato ieri il Primo ministro Benjamin Netanyahu parlando all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, riunitasi a New York. Intervenuto dopo il discorso del presidente palestinese Mahmoud Abbas – che ha accusato Gerusalemme e la politica degli insediamenti di essere l’unico ostacolo alla pace – Netanyahu ha invitato la sua controparte a venire a parlare alla Knesset, il parlamento israeliano: “Presidente Abbas, invece di inveire contro Israele alle Nazioni Unite a New York, la invito a parlare al popolo israeliano alla Knesset a Gerusalemme. E sarei felice di venire a parlare davanti al parlamento palestinese a Ramallah”. Poi il Premier si è rivolto all’intera assemblea e, come già in passato, ha puntato il dito contro l’attitudine delle Nazioni Unite rispetto a Israele – “anno dopo anno sono venuto qui, su questo podio e ho criticato l’Onu per la sua ossessione contro Israele” – ma qualcosa ora sta cambiando, ha aggiunto. “Forse alcuni di voi non lo sanno ancora ma sono sicuro che un giorno, in un futuro non troppo lontano, riceverete un messaggio dal vostro presidente o dal vostro primo ministro che vi informerà che la guerra contro Israele alle Nazioni Unite è finita”. Secondo il Premier nei prossimi 10 anni l’orientamento della maggior parte dei paesi nei confronti dello Stato ebraico sta cambiando: e il riferimento è ad esempio ai paesi africani, con cui Netanyahu ha avuto un meeting proprio a New York (con 15 rappresentanti di altrettante nazioni africane) per parlare di cooperazione nell’high tech e nella sicurezza. Ma il più grande cambiamento, ha sostenuto il capo del Likud, “è in atto nel mondo arabo. I nostri trattati di pace con l’Egitto e la Giordania continuano ad essere ancore di stabilità in un Medio Oriente instabile. Ma devo dirvi questo: Per la prima volta nella mia vita, molti altri stati della regione riconoscono che Israele non è il loro nemico. – le sue parole – Riconoscono che Israele è il loro alleato. I nostri nemici comuni sono l’Iran e l’Isis. I nostri obiettivi comuni sono la sicurezza, la prosperità e la pace. Credo che nei prossimi anni lavoreremo insieme per raggiungere questi obiettivi e collaborare apertamente”.

d.r.

(23 settembre 2016)

moked.it

 

9 Responses to “Presto il mondo sarà con Israele È in corso una rivoluzione”

  1. Eating a poached or boiled egg or an egg white omelette 3 times per week additionally helps to burn fats
    too.

  2. The use of regular safety gear reflects great industrial typical sense when functioning with
    all varieties of developing supplies.

  3. Christi scrive:

    Black girls are never protected or defended until we’re doing it ourselves and since no one takes us significantly to begin with, us defending ourselves would not matter and they still inflict racism on us, racism
    they need to spew on the total neighborhood.

  4. Hwa scrive:

    I am thrilled to show you my newest Year Ahead 2016 Astrological Wall Calendar
    that has come off the presses.

  5. I requested three to 4 day casting of the reunite us love
    spell and inside 4days Denny company had relocated him again to our hometown where I nonetheless lived.

  6. Also there are certain ppl tht want to instigate bt dont
    know how to n who are not specifically really
    like shy, dem ones endure as well.

  7. Collette scrive:

    In examine 2, the imply durations of herpes labialis episodes for sufferers with a recognized period have been 4.6 days
    for sufferers treated with ACV cream and 5.2 days for patients treated with car cream (P = 0.007).

  8. Jacquie scrive:

    At least one serving should be a raw vegetable like salad or carrot sticks and one must be a dark leafy green vegetable like kale or broccoli.

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.