Dal momento che già girano inesattezze, commenti e informazioni scorrette meglio fare un po’ di chiarezza. Il grave attentato è avvenuto dentro la Spianata intorno alle h 7.30, a sparare e sconsacrare il luogo sono stati i terroristi, musulmani, non certo chi è preposto all’ordine e alla sicurezza del luogo sacro.

Lo Status Quo fin dal 1967 è mantenuto da Israele nei confronti della Giordania, quindi anche nei confronti del mondo islamico che si riferisce alla sacralità delle Moschee. La particolare sensibilità religiosa della Spianata (Monte del Tempio), obbliga un severo controllo riguardo alle visite , orari ecc.

Oggi tutte le autorità israeliane preposte sono occupate nelle indagini per verificare come abbiano fatto i tre terroristi ad avere le armi che hanno usato e se queste armi siano state nascoste nell’area, se c’è collaborazione o meno con le autorità del Waqf.  Questo è il motivo della chiusura oggi, venerdì, della Spianata e l’annullamento della preghiera collettiva sul posto. Non si era verificato da anni un episodio di tale gravità.

La cosa più eclatante è l’assoluto silenzio delle autorità religiose islamiche che fino ad ora non hanno esecrato il fatto e la reazione degli abitanti di Um-El-Fahem, più preoccupati dalle conseguenze economiche che causerà questo attentato – gli israeliani che interromperanno gli scambi commerciali per sdegno e paura – che dalla gravità dell’attentato.

A Um El Fahem risiede lo Sceicco Raed , capo del movimento islamico del Nord d’Israele, movimento radicale che diffonde con veemenza l’incitamento all’odio, falsità del tipo “le moschee sono in pericolo” e arma di fatto quei giovani che attraverso accoltellamento, investimenti e uso d’armi, seminano terrore da due anni, spesso anche affascinati dall’idea dello Stato Islamico.

I tre terroristi sono già definiti martiri ed eroi e a Gerusalemme alcune autorità religiose islamiche, tra loro il Mufti dei palestinesi, non menzionano l’attentato ma chiamano a raccolta tutti i fedeli, incitando ad entrare in massa nella Spianata per “difendere El Aqsa”.

Angela Polacco Lazar, L’Informale, 14/07/2017

 

 

2 Responses to L’attentato di stamattina nella Spianata delle Moschee

  1. Claudio (Torino) scrive:

    E’ curioso notare la reazione di un poliziotto israeliano (fotografia) di fronte alla morte di “nemici”. Mi viene da confrontarla con la reazione di una certa “personalità” islamica (letto in data 23.7.17 su televideo rai) che si complimentava con l’assassino arabo per l’uccisione di civili israeliani: un boss della mafia immagino avrebbe la medesima reazioni nei confronti dei suoi sgherri.
    Mi piacerebbe che il mondo occidentale e la Chiesa (lo dico da cattolico) esprimessero almeno il loro disappunto per certi tipi di “congratulazioni”.

  2. ennio scrive:

    la verità è dimostrata dal filmato che mostra i terroristi in uscita, sorprendono le guardie e ritornsno sulla spianata

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.