L’Haggadàh è il testo usato per il séder, la cena rituale solitamente tenuta in casa le prime due sere di Pésach. La parola Haggadàh significa “racconto” e si rifà al comandamento nell’Esodo 13:8 “e racconterai a tuo figlio” della liberazione dalla schiavitù. Uno dei doveri di Pésach è quello di tramandare il racconto dell’Esodo da una generazione all’altra. Questa narrazione deve avvenire, secondo i rabbini, mentre la cena di Pésach, che comprende la matzàh e le erbe amare, è messa in tavola davanti a noi. Mentre la recitazione alla lettera del testo dell’Haggadàh divenne la norma in molte famiglie tradizionali, il testo serve, idealmente, anche come un punto di partenza per la discussione intorno alla tavola del séder. Affinché il comandamento del “raccontare” sia adempiuto, è necessario che anche i bambini vengano inclusi nella conversazione in modo tale che il ricordo della persecuzione, dell’esilio e della liberazione diventi importante e pieno di significato per loro.

 

 

One Response to Pesach 2018

  1. ennio ha detto:

    Bellissima iniziativa quella che viene proposta da Beth Shlomo per venerdì 30 ore 20 in Corso Lodi n. 8 C ovvero una cena ebraica di Pesach con spiegazioni esaurienti.
    Grazie agli organizzatori e partecipanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + diciassette =

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.