Nel suo opus magnum, A lethal Obsession, Anti-Semitism from Antiquity to the Global Jihad, Robert S, Wistrich, il più grande studioso del fenomeno della seconda metà del Novecento, scrive:

“Dal 2005, c’è stata una rilevante crescita in incidenti antisemiti in giro per il mondo, specialmente in Australia, in Sud Africa, Canada, Argentina e in Gran Bretagna…La specificità etnica dei perpetratori è particolarmente interessante. In Gran Bretagna tra coloro che vennero identificati è stato stimato che nel 2007 il 53 per cento dei partecipanti ad azioni antisemite erano bianchi, il 27 per cento asiatici e arabi e il 13 per cento neri…Il trend è continuato nel 2008 con un totale di 541 incidenti di natura antisemita, una diminuzione del 4 per cento rispetto all’anno precedente. Nel gennaio del 2009, a seguito dell’offensiva militare di Israele a Gaza, tuttavia, ci furono in Gran Bretagna non meno di 250 incidenti a sfondo antisemita in quattro settimane. Fu il maggior numero mai registrato in un unico mese. Similmente, in Francia, Danimarca e Olanda, il numero di attacchi contro gli ebrei e di incendi dolosi ai danni di congregazioni ebraiche stavano aumentando”.

In un recente intervento a Bruxelles, il rabbino Pinchas Goldschmidt, presidente della Conferenza dei rabbini europei, ha ricordato come il 22 per cento degli ebrei intervistati in nove paesi europei ha rivelato di evitare avvenimenti ebraici per motivi di sicurezza personale, mentre il 40 per cento degli intervistati, 1,200 ebrei francesi, ha dichiarato di non indossare più in pubblico la kippah nel timore di attacchi antisemiti.

Israele è oggi più che mai una delle ragioni e dei pretesti di questo rigurgito. La progressiva demonizzazione dello Stato ebraico serve per giustificare il riaffiorare di una patologia mai scomparsa con la giustificazione che non si tratterebbe di odio nei confronti degli ebrei, ma di azioni motivate dall’avversione nei confronti di Israele. Così, recentemente, l’Alta Corte di Dusseldorf a seguito dell’incendio della Bergisch Synagogue di Wuppertal da parte di due giovani arabi, avvenuto nel luglio del 2014 durante l’ultimo conflitto tra arabi e israeliani a Gaza, ha stabilito che il fatto nulla ha a che vedere con l’antisemitismo.

Con una logica che non sarebbe dispiaciuta a Lewis Carroll, i giudici tedeschi hanno stabilito che una sinagoga, luogo di culto ebraico per eccellenza, non ha a che fare con gli ebrei in quanto ebrei ma con gli ebrei in quanto israeliani, e dunque una sinagoga che viene bruciata viene bruciata perché rappresenta Israele e non gli ebrei.

Si possono dunque attaccare ebrei e luoghi associati all’ebraismo ogni volta che Israele interviene in un conflitto. Non si tratterebbe infatti di antisemitismo ma di una motivata reazione alla politica israeliana.  Diventa difficile, se non impossibile, un mero esercizio da salotto, quello di separare nettamente l’odio per Israele da quello per gli ebrei, districare l’antisemitismo mai venuto meno anche dopo le lacrime istituzionalizzate per la Shoah, dall’antisionismo virulento che porta nelle piazze migliaia di persone solo quando è Israele a fare una guerra (con l’eccezione degli Stati Uniti, ca va sans dire). Lo abbiamo visto durante l’ultimo conflitto a Gaza nel luglio-agosto del 2014, il quale, nelle piazze europee ha dato vita al “Più grande sfogo di antisemitismo dalla fine del nazismo”, come ha scritto Joshua Muravchik in Making David into Goliath, How the World Turned Against Israel. Assai difficile dargli torto, basta ricordare, come fa lo studioso americano nel suo libro, le piazze gremite e incitanti all’odio antiisraeliano o gli osceni slogan di incitamento all’uccisione degli ebrei, paralleli a quelli favorevoli ad Hamas.

La schizofrenia occidentale è quella che, da una parte monumentalizza la Shoah presentando dovuti omaggi alle vittime del genocidio nazista e manifestando il proprio cordoglio, e dall’altra recepisce in buona parte la narrativa demonizzante su Israele di vecchia fattura arabo-sovietica, contribuendo a puntellarla con iniziative di boicottaggio e di condanna, come quelle dell’ONU, istituzione ormai da tempo diventata una caricatura di se stessa.

Domani dunque assisteremo alla solita parata di cordogli, ricordi e frasi di circostanza, facendo ben attenzione a dolersi per la morte degli ebrei gassati ma al contempo utilizzando lo schermo dell’antisionismo per giustificare anche chi incendia una sinagoga. Dopotutto, se lo hanno stabilito dei giudici tedeschi che non si tratta di antisemitismo bisognerà credergli sulla parola.

Niram Ferretti, L’Informale, 26/01/2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.