EB1368ChanukkahHannukkah, Chanukkà[1]Channukah, (in ebraico חנוכה o חֲנֻכָּהḥănukkāh) è una festività ebraica, conosciuta anche con il nome di Festa delle luci o Festa dei lumi.

In ebraico la parola chanukkah significa “inaugurazione” o “dedica”, è infatti la festa che commemora la consacrazione di un nuovo altare nel Tempio di Gerusalemme dopo la libertà conquistata dagli elleni, il regno dei quali, in “Eretz Israel” nel II secolo a.C., voleva distogliere gli ebrei dalla Torah e soprattutto da alcuni suoi precetti come lo Shabbat ed il Brit Milah: alcuni ebrei vennero religiosamente “corrotti” ma non la maggior parte; gli assiro-ellenici ritenevano quindi di far scomparire la specificità giudaica proibendo la pratica della Legge ma una rivolta armata guidata da Mattatia, un anziano sacerdote della famiglia degli Asmonei, di Modin, cittadina a nord-ovest di Gerusalemme, permise – secondo Zaccaria Zc 4.6 – la vittoria dello spirito sulla forza brutale che minacciava Israele nella sua vita religiosa e spirituale.

Continue reading »

 

di Niram Ferretti

Care amiche e cari amici di Israele,

è un momento delicato. Con la decisione del governo degli Stati Uniti di rendere operativo il trasferimento dell’ambasciata Usa a Gerusalemme, Israele è tornato in questi giorni al centro delle polemiche, con la consueta sequela di accuse malevole, false e ingiuste.

Abbiamo il dovere di difendere dagli attacchi l’unica democrazia del Medio Oriente, e di manifestarle la nostra solidarietà.

Non mancate al prossimo appuntamento di lunedì 11 dicembre, alle ore 21 al Teatro Franco Parenti (Cafè Rouge) via Pierlombardo 14, Milano.

Sono intervenuti alcuni cambiamenti. Il libro di Niram Ferretti “Il sabba intorno a Israele – Fenomenologia di una demonizzazione” (Lindau) verrà presentato da Paolo Salom (Corriere della Sera) Ugo Volli (editorialista di Informazione Corretta) e Stefano Magni (esperto di politica mediorientale). Modera la discussione Stefano Leanza, del nostro consiglio direttivo.

Sarà un’importante occasione per sostenere le ragioni dello Stato del popolo ebraico. Vi aspettiamo.

Fraterni saluti, Alessandro Litta Modignani

presidente dell’Associazione milanese pro Israele (AMPI) e dell’Unione delle associazioni pro Israele (UDAI)

p.s. Colgo l’occasione per ricordarvi anche il nostro successivo appuntamento, mercoledì 13 alle 20,45 presso la Sinagoga Beth Shlomo, Corso Lodi 8/c, per la presentazione del libro “Ebreo chi? – Sociologia degli ebrei italiani di oggi” (Jaca Book)

 

di Deborah Fait

Egregio Pontefice,

Sono qui a scrivere per esprimerle il mio disappunto come essere umano alle sue esternazioni dopo la dichiarazione di Donald Trump su Gerusalemme Capitale di Israele.
Non appena la decisione del presidente americano è diventata pubblica, lei è stato tra i primi a commentarla e lo ha fatto esattamente come io mi aspettavo.
Nessuna parola di pace, nessuna raccomandazione agli arabi (palestinesi) di evitare violenze e terrorismo, nessun appello alla calma, tantomeno un accenno al diritto di Israele di avere riconosciuta la propria capitale millenaria.

Continue reading »

 

Intervista con Daniel Pipes

Alpha Institute of Geopolitics and Intelligence
7 dicembre 2017

http://it.danielpipes.org/18084/siria-sicurezza-israeliano

 

 

1) Come esperto di Geopolitica del Medio Oriente, come credi che si evolverà la situazione del conflitto in Siria ora che Raqqa è Caduta?

L’ISIS si è indebolita con il passare degli anni; la vera Guerra è tra gli stati che hanno combattuto questa guerra e che sono attivi nella regione (come Iran, Turchia e Israele) e a livello internazionale ma con interessi legati alla Siria ( Russia, Stati Uniti). E’ chiaro dunque che il futuro della Siria dipende da come si costruiranno le relazioni e le alleanze in futuro.

2) L’ISIS ha cambiato il modo in cui l’Intelligence combatte le minacce, ad esempio il terrorismo islamico?

Certamente il modus operandi dell’ISIS ha reso chiaro ai servizi di Intelligence in tutto il mondo che un messaggio potente e trasmesso attraverso i canali giusti può essere più efficace di pianificare, finanziare e armare i terroristi stessi.

3) Quale sarà il futuro delle armi chimiche e biologiche in Siria? Rappresentano una potenziale minaccia per Israele e per l’Europa?

Si, le armi di distruzione di massa di cui dispone la Siria rappresentano una immediata minaccia contro tutto il mondo.

Continue reading »

 

Oggi, intorno alle tredici ora americana, Donald Trump annuncerà che Gerusalemme è la capitale di Israele. Si tratta di un’ovvietà sotto il profilo storico e politico che soltanto la foglia di fico dell’ipocrisia può tentare maldestramente di occultare. Gerusalemme è di fatto da sempre la capitale politica dello Stato ebraico, lì vi sono ubicati il Parlamento, la Corte Suprema e la residenza del Primo Ministro, elementi concreti che ne sanciscono empiricamente il ruolo di capitale effettiva.

Continue reading »

 

L’atteso discorso di Donald Trump certifica di fatto quello che è sempre stato davanti ai nostri occhi, Gerusalemme è la capitale di Israele, perché è lì e non altrove che è insediato il suo nucleo politico, è lì e non altrove che si trovano il parlamento, la Corte Suprema, la residenza del Primo Ministro. Ma Gerusalemme è anche da tremila anni legata alla storia del popolo ebraico ed è per gli ebrei e solo per loro specificamente unica religiosamente e spiritualmente. Per i cristiani essa è uno dei luoghi santi, non quello esclusivo, e tale lo è per i musulmani, che hanno nella Mecca il loro principale luogo religioso. Dunque, Gerusalemme ha, per quanto riguarda la storia e la memoria ebraica un significato prioritario e connotante in una misura assai maggiore rispetto a quello che ha per le altre due fedi.

Continue reading »

 

Comunicato Beth ShlomoL’Associazione Amici d’Israele

è lieta di invitare alla presentazione del libro

Ebreo chi? Italiani, Ashkenaziti, Sefarditi in Italia

Sociologia degli ebrei italiani di oggi

Relatori:

Roberto Zadik, Alessandro Litta Modignani, Davide Romano, Rav Elia Richetti e Umberto Abenaim

Mercoledi 13 dicembre 20.45 serata Beth Shlomo  (Corso Lodi 8/c MM3 Porta Romana)

Serata a ingresso libero, con buffet

Alcuni mesi fa usciva un interessante libro “Ebreo Chi?-Sociologia degli ebrei italiani” (AA.VV Jaca Book, 335 pp, 35 euro) uno studio approfondito e finora inedito su dati, stime, sondaggi e storie dell’ebraismo italiano di oggi. Quanti ebrei ci sono in ogni città, qual’è la situazione dell’antisemitismo e quali sono i tipi di ebrei, fra italiani, askenaziti e sefarditi nel nostro Paese? Questi solo alcuni degli argomenti della serata il 13 dicembre dalle 20.45 presso sinagoga Beth Shlomo (corso Lodi 8/c MM3 Porta Romana) organizzata da Adi, Associazione Amici di Israele in collaborazione con Alessandro Litta Modignani, presidente Associazione Nazionale Pro Israele. L’incontro  che partirà dalla presentazione del testo per estendersi a diversi altri temi, avrà come relatori Modignani, il Rabbino Elia Richetti e uno degli autori del libro Umberto Abenaim.

 

11 Dicembre 2017 alle 21.00
Politeatro – Viale Lucania 18, Milano

Uno spettacolo con

Eyal Lerner

24829075_10156200918104252_832859625_n

Un evento patrocinato da ADI, Amici d’Israele.

 

Distruggere le reti monetarie dei terroristi, intercettando il flusso di denaro nelle mani dei nemici”, questo era l’obiettivo della task force israeliana Harpoon che per molti anni ha lavorato nell’anonimato rintracciando la provenienza di fondi destinati a gruppi terroristici come Hamas e Hezbollah ma anche verso al-Qaida e lo Stato islamico.

Harpoon è nata nel 1996 per volontà di Meir Dagan che all’epoca dirigeva l’ufficio antiterrorismo israeliano. Nel 2002 Dagan è stato nominato capo del Mossad dal Primo Ministro Ariel Sharon e da quel momento Harpoon è entrata a far parte del servizio di intelligence israeliano diventando operativa. Il suo biglietto da visita era “follow the money, target the money, and kill the money”.

Continue reading »

 

Da qualche mese si moltiplicano su Facebook attacchi del tutto strumentali nei confronti di Giulio Meotti, giornalista di punta del Foglio. In genere che lo attacca lo fa nel modo più becero, ad hominem, senza offrire nessun argomento. Sarebbe interessante invece entrare nel merito degli argomenti assenti, ma purtroppo non si può farlo e il motivo è, che appunto sono assenti.

Continue reading »

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.